Mondragone. Queste le dichiarazioni di Giovanni Zannini in cui lo stesso prova a convincere l’amico Antonio Mirra: Ho letto il comunicato stampa con cui l’amico Antonio Mirra preannuncia le dimisssioni da coordinatore del distretto idrico. Gli chiedo pubblicamente di recedere da questa intenzione e di rimanere alla guida del distretto nella convinzione che Mirra rappresenti la guida più autorevole per un settore delicato come quello idrico. Unitamente ad altri amici abbiamo sostenuto fortemente la sua elezione e oggi siamo ancora più convinti della assoluta bontà della scelta fatta. Nessun quadro politico è cambiato per quanto mi riguarda è per quanto ho potuto constatare. Antonio vai avanti con il sostegno dei Moderati ora più di prima”.