Villaggio dei Ragazzi salvato, lettera dei dipendenti a De Luca

Villaggio dei Ragazzi salvato, lettera dei dipendenti a De Luca

Maddaloni. I dipendenti del Villaggio dei Ragazzi scrivono una lettera al presidente De Luca dopo il verdetto della Sezione fallimentare del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere che ha decretato, su istanza del dott. Felicio De Luca, Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi, l’accesso dell’Opera maddalonese, fondata 70 anni orsono da Don Salvatore d’Angelo, alla procedura  di “Concordato preventivo con continuità aziendale” . “Con l’ammissione alla procedura concordataria – ha affermato il Commissario De Luca – è stato compiuto un primo passo verso la ristrutturazione dell’Ente, scongiurando la più grave procedura fallimentare. In sostanza, si continuerà a lavorare alacremente, grazie al sostegno, in primis,  della Regione Campania e del suo Presidente, Vincenzo De Luca, che ringrazio per la vicinanza fattiva espressa in tutto questo contesto, con l’obiettivo di favorire il risanamento e salvaguardare l’attività socio-assistenziale e formativa svolta dall’origine nonché ,naturalmente, l’occupazione  dei tanti dipendenti , di non poco rilievo per un territorio già provato da una forte crisi economico-occupazionale”.

ECCO IL TESTO DELLA LETTERA

Signor Presidente,

la ringraziamo per essersi sempre dimostrato sensibile ed attento alle problematiche della Fondazione Villaggio dei Ragazzi, un’Opera socio-assistenziale e formativa, fondata da Don Salvatore D’Angelo, circa 70 anni or sono. E’ grazie al Suo fattivo interessamento che, oggi, questo Ente, ammesso dalla Sezione fallimentare del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere alla “Procedura di concordato preventivo con continuità aziendale”, può continuare a vivere e ad essere un punto di riferimento imprescindibile nell’ambito del welfare campano e non solo. In particolare, La ringraziamo per aver dato alcune garanzie al Commissario Straordinario, il dott. Felicio De Luca, affinché abbia potuto porre in essere in tempi brevi gli atti necessari a scongiurare l’imminente fallimento dell’Ente maddalonese. Se ciò fosse stato, Signor Presidente, tantissime famiglie di questa straordinaria Regione, si sarebbero viste costrette a vivere in condizione di assoluto bisogno in un futuro fatto di tenebre, di instabilità e di precarietà. Le chiediamo di tutelare sempre di più il nostro diritto ad una vita dignitosa e alla possibilità di provvedere a tutte quelle necessità che la vita impone. Ci rivolgiamo a Lei, signor Presidente, sempre pronti a garantirelo svolgimento del servizio socio-assistenziale e formativo offerto dal Villaggio dei Ragazzi ai circa 350 studenti che lo frequentano, affinché la Sua coscienza di uomo onesto, sensibile e integerrimo ci riporti speranza dove ormai stava regnando sovrana lo scoramento e la mortificazione.

I lavoratori del Villaggio dei Ragazzi

 

 

Related posts