CASERTA (O.S.) – Luca Abete, nel suo ritorno a Caserta, ha scoperto quello che i casertani sanno bene. Tutto il bailamme scoppiato a dicembre in piazza Pitesti e piazza Cattaneo aveva provocato la dura reazione da parte dell’amministrazione e minacce di ferro e fuoco contro l’illegalità. La Guardia di Finanza e i Vigili urbani sono intervenuti più volte, dopo i servizi di Striscia e una cattiva pubblicità che poteva essere evitata solo con una maggiore attenzione istituzionale al territorio, e la piazza è stata effettivamente liberata. Risolto il problema dell’illegalità diffusa? Neanche per idea, siamo a Caserta mica a Zurigo. E quindi all’inviato della trasmissione satirica di Antonio Ricci è bastato tornare e fare quattro chiacchiere con i casertani per scoprire che, sì gli abusivi non vanno più in piazza la sera, ma sono strapresenti alla fiera settimanale di via Ruta, a 700 metri dalla vecchia collocazione. Il tutto in forma irregolare e senza che si possano neanche lontanamente comparare le condizioni degli abusivi e quelle degli operatori regolarizzati ed in regola. Ancor più gravi sono le parole degli esercenti ripresi, a loro insaputa, dalle telecamere di Striscia e non tanto sulla camorra che muove le fila delle illegalità di una terra dove lo Stato riesce, troppe volte e purtroppo, solo a farsi vedere sotto forma di riscossione dei tributi quanto per l’affermazione che in 9 anni non ci sono vigili al mercato, brutto segnale per le amministrazioni che si sono succedute in questo lasso di tempo. Niente di nuovo, comunque, per la città capoluogo e solo un autentico forestiero come Luca Abete poteva restarne sorpreso.

PER VEDERE IL SERVIZIO DI LUCA ABETE CLICCA QUI