Marcianise. E’ apparso all’edizione delle 14 del Tgr Campania davanti alla villa confiscata al clan Belforte e convertita ad ospitare attività sociali, il sindaco Antonello Velardi. Il primo cittadino ha parlato del recupero di una terra difficile e del problema della camorra, delle minacce e dell’invadenza di quella zona grigia terra di commistione tra politica, imprese e criminalità organizzata. Una storia già vista a Marcianise dove, e Velardi lo ricorda, l’amministrazione guidata da Filippo Fecondo venne sciolta per infiltrazioni camorristiche. Una citazione che ha dato da riflettere a molti che, conoscendo bene la politica marcianisana, erano abituati a vedere sindaco ed ex sindaco su posizioni vicine.