Caserta. Ore movimentate all’interno del centrodestra campano, diversi gli incontri informali tenuti dai coordinatori regionali di Forza Italia, Fratelli D’Italia, Lega e rappresentanti della quarta gamba per trovare un accordo rispetto alle candidature. Al momento i meloniani sembrano puntare ad avere in Campania 7 collegi: due a Napoli, due a Caserta, due a Salerno e uno tra Benevento e Avellino. Anche se non si esclude che Fdi chieda di rinunciare alla rappresentanza nei due capoluoghi ‘minori’ per ottenerne un terzo su Napoli. La richiesta fatta a più voci ai vertici del partito è quella di candidare tutti, dai consiglieri di municipalità, passando per quelli comunali e regionali fino ad arrivare alla ricandidatura dei parlamentari uscenti. C’è anche pressing dai più giovani a far candidare capolista la stessa Meloni. Se la linea su cui insiste il consigliere regionale Luciano Passariello dovesse passare a giocare la partita ci sarebbero Edmondo Cirielli, Marcello Taglialatela, Antonio Iannone (coordinatore regionale del partito), Passariello, Alberico Gambino, capogruppo in Consiglio regionale, Luigi Rispoli, ex presidente della Provincia di Napoli e i due consiglieri comunali Andrea Santoro e Marco Nonno. Quest’ultimo è anche il primo dei non eletti alle regionali che entrerebbe a far pate dell’assise regionale in caso di elezione di Passariello.