Velardi firma l’ordinanza di chiusura della LEA

Velardi firma l’ordinanza di chiusura della LEA

MARCIANISE (P.G.). “Abbiamo chiuso l’impianto per lo smaltimento dei rifiuti nella zona industriale di Marcianise davanti al quale avevamo piantato l’ombrellone e le sdraio allestendo l’Asi Beach. Ho firmato poco fa l’ordinanza di sospensione di ogni attività, notificata ai titolari della Lea, la società che gestisce il sito della monnezza. Non sentiremo più la puzza che ci ammorbava notte e giorno, non vedremo più i camion stracarichi di monnezza entrare e uscire dall’impianto.” La sospensione dell’attività industriale era da tempo nell’aria, mancava l’ordinanza del Sindaco che è arrivata ed è stata comunicata alla Città dallo stesso Velardi. La verifica di gravi inadempienze da parte del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco comunicata, oltre che al Comune, alla Procura della Repubblica ed alla Prefettura ha determinato, dopo tanti controlli e verifiche, la decisione dell’Amministrazione Comunale. L’impianto nato nel 2004 come azienda per il trattamento e lo smaltimento di materiale ferroso, grazie ad un cambio di destinazione d’uso seguito poco dopo l’apertura inizia ad occuparsi del trattamento di rifiuti speciali non pericolosi e passa sotto il controllo del Gruppo Iavazzi già al centro di numerose inchieste. La storia dell’azienda viene, poi, spiegata dallo stesso Velardi, “Nel 2017 – dice il Sindaco – arriva la società Lea, del gruppo Bruscino, lo stesso dell’impianto andato a fuoco a San Vitaliano. Ma sono qui senza titolo, in quanto non fanno parte dell’ASI. Inoltre l’ARPAC ha fatto alcune prescrizioni che non ci risultano realizzate. E non sappiamo dove va a finire il percolato”. Ma i controlli della zona ASI non finiscono qui, Velardi annuncia nuovi controlli e lo spostamento della cosiddetta ASI Beach dinanzi nuovi stabilimenti inquinanti. ” Siamo ora pronti a spostare il lido Asi Beach in altre strade della zona industriale di Marcianise, lì dove sono segnalate altre notizie (da verificare) di altri impianti pericolosi. E’ finita un’epoca, ne comincia un’altra. Difenderemo con il coltello tra i denti la nostra salute, la salute di tutti i marcianisani.”

Related posts