VERONA. Napoli per riscattare la sconfitta di Champions con il City e proseguire il percorso netto in stagione, Chievo per continuare il suo campionato tranquillo e allontanarsi dalle zone pericolose di classifica. E’ racchiusa un po’ in questo il match di oggi, valevole per la dodicesima giornata di serie A. Gli azzurri si presentano al ‘Bentegodi’ con qualche problemino di formazione. Reina non recupera per il problemino accusato alla schiena ed in porta fa il suo esordio da titolare, il napoletanissimo Luigi Sepe. Dal 1′ anche il terzino sinistro Mario Rui che sostituisce l’infortunato Ghoulam. Anche per quest’ultimo prima partita stagionale. In mezzo al campo problemini alla caviglia per Diawara, al suo posto Jorginho e centrocampo a tre davvero inedito che si completa con Zielinsky e Hamsik. Confermatissimo, invece, il tridente offensivo Insigne, Callejon e Mertens. I clivensi rispondono con in 4-3-2-1 con il ‘napoletano’ Inglese schierato unica punta davanti. Non c’è Dainelli, per la nascita del figlio.

LA PARTITA. Prova a fare possesso palla il Napoli ma il Chievo pressa molto alto a centrocampo. Al 5′ ci provano gli azzurri con un lungo cross di Callejon sul secondo palo, Albiol fa la sponda in mezzo ma Sorrentino respinge con i pugni e sventa il primo pericolo. Due minuti più tardi, lancio di Callejon, stop pregevole di Insigne che avanza e serve Hamsik al limite ma il tiro dello slovacco viene deviato in angolo. Al 18′  si fa pericoloso il Chievo. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo nato da un cattivo retropassaggio di Koulibaly, cross dentro, palla prolungata al centro dell’area dove c’è Gamberini: deviazione al volo e palla che finisce di poco alta sulla traversa difesa da Sepe. Al 23′ la più grande palla gol del Napoli:  break centrale di Hamsik che serve Mertens, apertura per Callejon e tiro di destro in diagonale con il tiro che fa la barba al palo destro difeso da Sorrentino. Al 34′ fallo di Radovanovic al limite dell’area sinistro su Insigne. Il giocatore del Chievo accusa il napoletano di aver accentuato il contatto, ne nasce un parapiglia che vede protagonista anche Mario Rui. Alla fine l’arbitro ammonisce proprio Mario Rui e Radovanovic. Nel secondo tempo gli azzurri ci provano ma sembrano non essere brillanti come al solito. I portieri sono entrambi poco impegnati. Al 60′ per poco Radovanovic non realizza l’eurogol da metà campo ma Sepe è attento e lesto a sventare in angolo. Gli azzurri provano a rispondere ma il più pericoloso è solo Insigne che nel finale prova l’eurogol a giro trovando l’ottimo Sorrentino che respinge in angolo. Dopo 5′ di recupero il risultato termina con il punteggio ad occhiali. Brutta partita da parte degli azzurri, stanchi ed imprecisi. Di contro una formazione che si è difesa bene e che alla fine ottiene un punto d’oro. Secondo pareggio in campionato per il Napoli, ora la sosta.

 

CHIEVO-NAPOLI 0-0

CHIEVO (4-3-2-1): Sorrentino; Cacciatore, Tomovic, Gamberini, Gobbi; Depaoli, Radovanovic, Hetemaj; Castro, Birsa; Inglese. Allenatore; Maran

NAPOLI (4-3-3): Sepe; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Mario Rui; Zielinski, Jorginho, Hamsik; Callejon, Mertens, Insigne. Allenatore: Sarri

ARBITRO: Massa di Imperia che sarà coadiuvato dai guardalinee Lo Cicero e Fiorito mentre il quarto uomo sarà il sig. Minelli e al VAR ci saranno Mariani e Martinelli.

NOTE: Ammoniti: Mario Rui, Zielinsky e Koulibaly del Napoli; Radovanovic del Chievo. C.ca 4000 napoletani presenti al ‘Bentegodi’