Tragedia ponte Morandi. Oggi i funerali di Stato per 18 vittime

Tragedia ponte Morandi. Oggi i funerali di Stato per 18 vittime
image_pdfimage_print

Genova. Ancora insieme i tre amici francesi e un quarto giovane a cui avevano dato un passaggio. Ancora insieme amici italiani, o gli operai albanesi. Diciotto bare tutte dello stesso colore, e poi quella bianca, a simboleggiare quasi ancor più che la tragedia ha colpito senza distinzioni. Perche’ un ponte ha ceduto. Se sul feretro di Samuele non c’era null’altro a parte i fiori, perche’ il bianco e’ gia’ esso un segno distintivo, diverso e’ per gli altri, per gli adulti. E cosi’ su alcune delle altre bare c’erano foto o simboli che tracciano, descrivono la vita che e’ stata di questa gente. Come nel caso di Andrea Cerulli, lavoratore portuale a Genova, oppure le bandiere vermiglio dell’Albania, con l’aquila ad ali dispiegate, con cui orgogliosamente i congiunti di due delle vittime, Marjus e Admir, hanno quasi avvolto le bare dei loro cari. E su una delle due, anche la maglietta della squadra di calcio in cui militava. In questi metri quadrati sono condensati tanti mondi, tanti momenti; esistenze diverse tra loro e che forse senza quel cedimento del ponte mai si sarebbero incrociate. E invece si sono ritrovate accomunate sul fondo di un improvviso precipizio che finora solo nell’immaginazione si poteva pensare ci fosse e che invece e’ diventato cruda e mortale realta’. Esistenze stroncate e ora tutte insieme qui, sotto gli occhi del mondo: il crollo del ponte ha fatto notizia ovunque, a centinaia gli inviati dei media arrivati a Genova. E i funerali hanno lo stesso clamore. Celebrati in un padiglione dove si svolge annualmente il Salone Nautico. Dire Salone Nautico equivale a dire mare, prendere il largo. Per una volta, sperando che sia l’unica e ultima in circostanze simili, a prendere il largo dai propri affetti sono state – a prescindere di quante fossero qui oggi – 38 vite umane. Navigano in un mare senza tempo e spazio. Il perche’ sia avvenuto in quella maniera lo stabiliranno gli uomini in terra.

Related posts