Il presidente del Consiglio dei Ministri, Giuseppe Conte, alll'ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo per far visita al carabiniere Pasquale Casertano, ferito questa mattina al fianco e al braccio a Cagnano Varano nel corso dell'agguato in cui è morto il

CASERTA – “Sono felice di tornare a casa. L’affetto della famiglia sarà il mio percorso riabilitativo”. Dopo un mese e cinque giorni di ricovero Pasquale Casertano, il carabiniere 23enne ferito nell’agguato del 13 aprile scorso a Cagnano Varano, in cui fu ucciso il maresciallo Vincenzo Di Gennaro, lascia l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo. In mattinata è stato dimesso e si è subito messo in viaggio verso casa, a Caserta.
“Quando è venuto a trovarmi Luigi, il padre del maresciallo – ricorda Casertano all’Ansa – mi ha ringraziato per aver tentato di salvare la vita di Vincenzo e poi ha aggiunto che in me rivedeva suo figlio”.