Tentata estorsione a un imprenditore, la Cassazione conferma le condanne

Tentata estorsione a un imprenditore, la Cassazione conferma le condanne

Capua. Avevano chiesto un’estorsione pari a mille euro facendo credere che si trattasse di una quota di iscrizione ad un club Napoli allo scopo di sviare eventuali sospetti tra i clienti della struttura. A seguito del rifiuito da parte del titolare della struttura si sono verificati degli incontri fuori dalla sede per ‘ricordargli’ della somma da pagare. La Suprema Corte di Cassazione ha confermato le condanne nei confronti del capuano Sebastiano Pistone classe 1989 e Cipriano Gravante di Casal di principe classe 1971. Entrambi devono scontare 4 anni e 6 mesi per il reato di tentata estorsione ai danni di un imprenditore di San Tammaro.

Related posts