Tartaglione presenta la raccolta di poesie “Semi e germogli nella Terra dei Fuochi” al Circolo della Marina Militare

Tartaglione presenta la raccolta di poesie “Semi e germogli nella Terra dei Fuochi” al Circolo della Marina Militare

Marcianise. Sarà presentato a Napoli alla Regione prima ed al circolo ufficiali della Marina Militare poi, Semi e germogli nella Terra dei fuochi. La quinta opera letteraria di Alessandro Tartaglione. Tecnico del Presidio operativo Terra dei Fuochi ed assistente volontario presso il carcere di Secondigliano, Tartaglione nella sua nuova raccolta di poesie accosta la gentilezza e la grazia dei versi alla durezza della terra in uno scontro/incontro che plasma la dura terra che a volte è anche essa stessa pura poesia. Una terra, quella nostra, che a volte è dura e spietata. Ma che ha subito incondizionatamente la spietata azione dell’uomo che l’ha trasformata in Terra dei Fuochi. E’ la prima volta che un’opera poetica si ispira alla Terra dei Fuochi. Una sperimentazione impegnativa, ma intrigante e che stimola il lettore. La terra, intesa come elemento materiale, ha un’anima. La nostra terra ha un’anima innocente che è stata violentata, ma che conserva la sua purezza di madre generatrice e feconda. “Semi e germogli” è una silloge poetica altamente sintomatica, decisa- mente impegnativa sul piano sostanziale, illuminando, ciascuna poesia, una dopo l’altra, le coscienze individuali e collettive su una realtà triste, su un vissuto emozionante, avvincente, quale quello che domina ancora nella Terra dei Fuochi. Ogni singola poesia è un pezzo di questo vissuto che soddisfa, sul piano nutritivo, l’anima ansiosa, delicatamente apprensiva.

Related posts