SVELATO IL GIALLO SULLA MORTE DI ATTILIO. Ha contratto la febbre suina in Bulgaria

SVELATO IL GIALLO SULLA MORTE DI ATTILIO. Ha contratto la febbre suina in Bulgaria
image_pdfimage_print

MONDRAGONE (Maria Assunta Cavallo). Attilio, da tutti chiamato Maurizio, è morto a seguito di un influenza (AH1 2009, volgarmente chiamata febbre suina) molto aggressiva. Almeno questo è quanto è riscontrato nelle analisi fatte dall’ospedale Cotugno di Napoli, su un tampone sottoposto al ragazzo ricoverato venerdì scorso e deceduto ieri mattina. “Si comunica che il paziente – si legge nel comunicato della dirigenza ospedaliera che ha effettuato le analisi – giunto con mezzi propri al nostro Pronto soccorso il giorno 05.01.2019 alle ore 11,27 con grave crisi respiratoria, cardiopatia ischemica, dislipidemico, obesità grave, FC 120 bpm spot 50%, 6 deceduto in data odierna alle ore 11,20. Visto il clamore mediatico si informa che in data 07.01.2019 6 stato inviato all’Ospedale Cotugno il tampone nasale che ha escluso influenza di natura aviaria, ma il caso a dovuto a Influenza A H1 2009″. Attilio sicuramente ha contratto il virus in Bulgaria, dove gestiva un’azienda di pellet. Il Paese dell’Est, infatti, è ricco di zone rurali e di animali di allevamento lasciati praticamente liberi di circolare. ECCO COS’E’ L’INFLUENZA AHI1 2009: La pandemia influenzale del 2009, causata da una variante fino ad allora sconosciuta del virus H1N1, volgarmente chiamata febbre suina, è stata una pandemia che ha causato centinaia di morti e decine di migliaia di contagi nel mondo, concentrati per la maggior parte nel continente americano. Nell’aprile 2009 l’Organizzazione mondiale della sanità e il Centers for Disease Control and Prevention hanno lanciato l’allarme, sostenendo che il virus ora si trasmetta direttamente tra uomini, arrivando a definire possibile una pandemia influenzale.

Related posts