Un momento della sala stampa della Casertana

Caserta (Oreste Cresci). Casertana e Rende non trovano la via del gol nei 90’ di gioco, concludendo il match a reti inviolate. A preoccupare è la carenza di battute a rete, con la Casertana che nel secondo tempo non è mai riuscita ad impensierire il portiere ospite. Proprio del Rende è la più limpida palla gol con la traversa colpita da Franco allo scadere del primo tempo. Mister Tiricino, tecnico del Rende commenta così: “Partita da 0-0, portieri poco impegnati e l’unica palla gol l’abbiamo avuta noi. La classifica? Siamo una squadra operaia e la nostra forza è che ne siamo consapevoli. Non possiamo mollare di un centimetro ed i ragazzi lo sanno, la serie C ti punisce subito. L’attacco della Casertana? È una squadra organizzata che sta ottenendo risultati positivi e siamo stati bravi a limitarli. I 97? Stanno crescendo ma non devono perdere di vista la loro dimensione. Pochi cross? Entrambe le squadre non cedevano il fianco e ne è scaturito lo 0-0”. Di tutt’altro avviso è De Rose, secondo lui la Casertana avrebbe meritato qualcosa in più ed afferma : “Avevamo preventivato una vittoria ma ci accontentiamo di questo punto. Ci aspetta un buon futuro perché siamo diventati squadra. Il Rende praticamente non è esistito in campo. Il Rende? Fa un gioco a bassi ritmi, rallenta, noi siamo partiti bene, non l’abbiamo buttata dentro per mancanza di cattiveria ma sarebbe troppo facile dire gli attaccanti non segnano. È comunque una buona squadra e non ha 20 punti per caso. Dicembre intenso? Penseremo partita per partita. Possiamo giocarcela con tutti e abbiamo dimostrato di potercela giocare con tutti, ora testa alla Juve Stabia. Questa partita non scalfisce le nostre certezze ed a deluderci è solo il risultato”. Mister D’Angelo presentatosi in conferenza, appoggia quanto detto da De Rose e si ritiene soddisfatto del punto guadagnato : “Se il  Rende è li in classifica lo merita ma la partita l’abbiamo fatta solo noi. Nel primo tempo abbiamo fatto bene nella seconda abbiamo faticato di più. La classifica? Abbiamo dei limiti e lo sappiamo, stiamo lavorando per migliorare. Il cambio modulo? Ferrara giocando basso da terzino fa fatica, e mi serviva un saltatore in più in difesa. Lorenzini ha fatto una grande partita in fase difensiva. Bisogna trovare soluzioni offensive? Abbiamo giocato con il 3-5-2 per metterli in difficoltà, loro sono un ottima difesa. Come vedo il mese di dicembre? Io penso partita per partita. Faccio fatica a prepararne una alla volta, figuriamoci se dovessi pensare anche a quelle future. La squadra sta crescendo, e se prendiamo un punto con la quarta in classifica, dopo 16 giornate, qualche merito ce lo prendiamo. Intanto abbiamo arginato le emorragie difensive, il prossimo step è migliorare la fase offensiva”.