Scossa di terremoto al Sud, evacuati uffici e scuole

Scossa di terremoto al Sud, evacuati uffici e scuole
image_pdfimage_print

Terremoto di magnitudo 3.9 a 4 km a sud-est di Barletta. La scossa è stata registrata dall’Ingv alle 10.13, a 4 chilometri da Barletta, a una profondità di 34 chilometri. Questo l’epicentro secondo quanto riportato dal’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. Il sisma è stato avvertito chiaramente anche a Bari, Foggia e persino a Taranto: molte persone sono scese in strada, prese dal panico. A Trani è crollata una porzione del timpano della chiesa di San Domenico.
Evacuati uffici giudiziari e scuole. La scossa di terremoto è stata avvertita in diversi comuni della provincia Bat, e anche a Bari Bari dove gli uffici giudiziari di via Dioguardi, sede della Procura e parte del Tribunale Penale, e l’ex sezione distaccata di Bitonto sono stati evacuati. Sono state momentaneamente sospese le udienze, ma non evacuata la sede, anche negli edifici giudiziari di Modugno, alle porte del capoluogo, mentre a Bitonto sono state evacuate anche le scuole. A Trani il sisma ha fatto cadere un’anfora decorativa della chiesa di San Domenico già recintata in quanto pericolante. Stando alle prime informazioni raccolte dalla sala operativa dei vigili del fuoco, a fronte delle numerose chiamate di allarme ricevute, il sisma non avrebbe prodotto danni. Sono in corso verifiche da parte della Prefettura di Bari in stretto contatto con la Protezione civile.
Scossa nelle Marche. Un’altra scossa di terremoto di magnitudo 3.3 era stata registrata in mattinata dall’Ingv tra le province di Macerata e Fermo. I comuni più vicini all’epicentro della scossa, delle ore 6.45, sono stati: Civitanova Marche (Macerata) e Porto Sant’Elpidio.
In nottata scossa a Ostuni. Una leggera scossa di terremoto è stata avvertita nella notte in provincia di Brindisi. Lo conferma il sito di rilevazioni meteopuglia.org. Alle ore 3.57 la terra ha tremato a Costa Merlata, marina di Ostuni. Il sisma è stato rilevato di magnitudo 2,4 a una profondita di 2.1 chilometri. Non si segnalano danni.

Related posts