SAN FELICE A CANCELLO. Un mese dalla morte di Attilio Martinisi, giovane 32enne con la passione per la musica, è pesato e non poco sui sanfeliciani e sui tanti amici sparsi per il mondo. Il suo ricordo, i sorrisi, la musica, il suo basso sono ben impressi nei tanti che conoscevano Attilio nella vita terrena. Questa mattina, sarà ricordato con una messa presso la parrocchia di San Felice Martire, alla quale purtroppo la madre Amelia e la sorella Maria Rosaria non potranno partecipare. La si potrà comunque seguire tramite la pagina Fb della parrocchia.

La famiglia e gli amici però, in questi trenta giorni di grande dolore, non si sono persi d’animo ed hanno deciso di dar vita ad un’associazione che sarà impegnata nella valorizzazione dei giovani talenti e non solo.

E’ in fase di preparazione un memorial che si svolgerà durante l’estate (quasi sicuramente a fine giugno). Al fianco della sorella Maria Rosaria, avvocato impegnato anche in politica, stanno lavorando amici di Attilio ma anche noti professionisti del territorio e non solo.

L’associazione si presenterà alla città con un primo evento musicale per ricordare il giovane Attilio, stroncato da un infarto fulminante durante la notte.

Questa mattina, la sorella Maria Rosaria lo ha ricordato con un lungo post su Fb: “Oggi è un mese che sei volato in cielo… Attilio Martinisi. Oggi è la festa della mamma….Amelia Napolitano.
Sei sempre stato unico nel riuscire a fermarti nel cuore di tutti fino a quando ti sei fermato nel tuo cuore, affinchè tutti, ma proprio tutti potessimo leggerlo e ascoltarlo…
Stamattina, come sempre, saresti sceso presto con una scusa per andare a comprare due rose rosse, una per mamma e un’ altra per Tetta, avresti scritto una tua dolce frase e firmato ” Attilio e Maria Rosaria “… avresti fatto prima di me….perche Tu eri e SEI quello dei gesti semplici e dei veri valori….
Mamma, oggi quelle due rose ci sono e rappresentano la pace del cuore e il sorriso di Attilio, quello piu gentile e luminoso che potessimo osservare….
Nella vita non bisogna mai aspettare nulla… Se vogliamo dire “Ti voglio bene “dobbiamo farlo ora ….se vogliamo abbracciarci dobbiamo farlo ora ….non serve a nulla aspettare perché, Attilio tu ci hai insegnato che domani non è nelle nostre mani…
Hai amato senza pretendere…. parlato senza offendere… ascoltato senza giudicare…
Per questo, mamma, ti dico che tutto ciò che Attilio È rappresenta il piu dolce, sconfinato e amorevole pensiero che oggi e sempre ti possa scaldare il cuore…. con il suo amore senza riserva….
Vi amo immensamente…
Mamma, io e Attilio ti amiamo infinitamente….”.