Revocato l’incarico a Bergamo, il funzionario: “E’ il sindaco la massima autorità sanitaria del territorio, non io”

Revocato l’incarico a Bergamo, il funzionario: “E’ il sindaco la massima autorità sanitaria del territorio, non io”

SAN FELICE A CANCELLO – “Non ho ancora ricevuto ufficialmente la revoca dall’incarico. Certo è, che la situazione mi lascia senza parole”. A parlare è Michele Bergamo, funzionario del Comune di San Felice a Cancello che da ieri non è più dirigente facente funzioni del settore Ecologia e Ambiente. Il sindaco Giovanni Ferrara ha revocato il decreto di giugno per “incapacità gestionale”. Sul caso, non pochi sono stati i rumors all’interno della maggioranza, che ha dimostrato di non essere compatta e disgregata su questo punto.

“Il primo cittadino – prosegue Bergamo, raggiunto telefonicamente – non conosce bene le regole e la legge. E’ lui il massimo referente territoriale per quanto riguarda l’igiene e la sanità. Quindi, se c’è un problema di rifiuti sul territorio questo, senza alcun ombra di dubbio, è da additare a lui e non a me. Per quanto riguarda, l’assessore Orlando Savino è sempre stato poco presente. Solo la sera si preoccupava di telefonarmi per sapere se il giorno dopo veniva raccolto l’umido.

A dire il vero, ho sempre cercato di dare il massimo e chi mi conosce lo sa. Ma non è possibile che un’amministrazione comunale è latitante e, in piena estate e con un’emergenza come quella dei rifiuti, ognuno se ne lava le mani”.

Intanto, della vicenda questa mattina se ne continua a parlare a go go. Sono in molti ad avanzare l’ipotesi che, se qualcuno ha fallito, può anche dimettersi.

Related posts