NAPOLI. Con Decreto Dirigenziale n. 79 del 05/12/2019, in riferimento alla “Legge Regionale del 16 aprile 2012, n. 7 e ss.mm.ii. Avviso pubblico a favore dei Comuni per l’utilizzo di beni confiscati per promuovere l’avvio di progetti di innovazione sociale ed economia sociale”, la Regione Campania ha approvato la graduatoria degli enti ammissibili al finanziamento con l’indicazione del punteggio attribuito e la quota ammessa ripartita fra quota ristrutturazione e quota azioni start up.
Nella graduatoria approvata dalla Regione, i comuni casertani di Casapesenna, Cellole, San Marcellino e Villa Literno, hanno ottenuto l’ammissione dell’importo totale di 150mila euro per ognuno di loro, di cui 100 per la quota di ristrutturazione e 50 per l’azione di start up. “Con l’approvazione dei progetti di innovazione ed economia sociale – spiega il consigliere regionale Giovanni Zannini – la Regione Campania si dimostra ancora una volta vicina alla provincia di Caserta: non solo attraverso gli imponenti investimenti per le infrastrutture, ma anche favorendo iniziative fondamentali – conclude Zannini – di ripristino e valorizzazione di progetti di legalità sul territorio.”