CasertaCultura

REGGIA DI CASERTA. Undicimila visitatori per la ‘Domenica al Museo’


CASERTA – Grande affluenza, con quasi undicimila visitatori, ieri alla Reggia di Caserta per la seconda Domenica al Museo del 2020. In totale sono stati venduti 10960 i biglietti di ingresso del Complesso vanvitelliano (Appartamenti storici e Parco). “La sperimentazione avviata nel mese di ottobre con il contingentamento del numero di accessi, la ridefinizione dei percorsi di visita e la nuova segnaletica, ma soprattutto lo spirito di collaborazione di tutte le persone coinvolte nell’organizzazione – afferma il direttore della Reggia di Caserta Tiziana Maffei – hanno consentito di accogliere il grande pubblico, nell’ottica della imprescindibile tutela dell’istituto museale, e offrire un’esperienza di visita piacevole e distensiva”. Tantissime famiglie hanno potuto godere della giornata di gratuita’ introdotta dal ministro Dario Franceschini nel 2014 per apprezzare le Sale del Settecento degli Appartamenti storici, recentemente riaperte alla fruizione dopo i lavori di consolidamento degli stucchi, con la camera da letto del re e il “quarto” di Maria Carolina, nonche’ le Sale dell’Eta’ dell’Oro e delle Dame, e per passeggiare o andare in bicicletta nel Parco. Il sistema di fasce orarie, che ha incoraggiato la visita pomeridiana con la disponibilita’ di un maggior numero di biglietti gratuiti per il Museo, ha permesso, nonostante le limitazioni del numero di accessi previsti, di accogliere tutti i visitatori che hanno affollato Piazza Carlo di Borbone. “La Domenica al Museo – prosegue la Maffei – e’ un’opportunita’ per i luoghi della cultura ma anche per il territorio. Il dialogo con le istituzioni e con le forze attive della citta’ ha portato alla definizione di un’offerta culturale e turistica piu’ ampia e differenziata. La Reggia ha avviato una serie di importanti iniziative volte a favorire la permanenza a Caserta dei visitatori del complesso vanvitelliano. E’ importante accogliere il vasto pubblico delle giornate di gratuita’ per far conoscere non solo il patrimonio storico, artistico e culturale della Reggia, ma anche per promuovere la citta’ e le sue tante risorse”.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close