Il ragazzo scomparso Mariopio Zarrillo

Marcianise (P.G.). Mariopio Zarrillo, quarto giorno. Non ci sono novità di rilievo, purtroppo, per il ragazzo che da venerdì ha fatto perdere le proprie tracce. Come già anticipatovi ieri sera, i Carabinieri non stanno brancolando nel buio. Seguono una pista ben precisa. Non sappiamo dirvi quale sia, ma già ci solleva sapere che si è ristretto il campo d’indagine. Estrema fiducia nel lavoro degli inquirenti e dei Carabinieri che sul caso stanno svolgendo un lavoro encomiabile. Stamattina abbiamo sentito telefonicamente Tonino, il papà del ragazzo. Si trovava presso la caserma di Marcianise. Ci ha detto che era lì non per un motivo preciso, ma perchè voleva far sentire la sua presenza agli uomini dell’Arma. Ha avuto parole di profonda riconoscenza verso quei ragazzi, come li ha definiti, che stanno dando l’anima per ritrovare Mariopio. Fiducia confermata dal fatto che la famiglia, nonostante un primo orientamento, non ha un legale che segue la vicenda. Ciò per non interferire con il lavoro degli investigatori. Devono lavorare con serenità e senza pressioni. Continuiamo a seguire la vicenda. Personalmente, oltre che per un fatto giornalistico, per una amicizia più che ventennale con Tonino e la sua famiglia e per gli amici che finora sono stati sempre accanto alla famiglia. Marcianise e non solo aspetta con ansia delle buone notizie. Vi terremo aggiornati.