Cervino. Indagini ancora a 360 gradi per far luce sull’omicidio della 38enne del Montenegro Juliya Jaksic, trovata morta lunedì sera in un’abitazione al primo piano di via Carmiano. La Squadra Mobile di Caserta, che segue le indagini sin dal primo momento, continua a ricercare, investendo ora anche la polizia marocchina attraverso l’Interpol, l’unico indiziato, un certo Joseph Casalblanca (nome d’arte) che da una settimana si è volatizzato nel nulla. Nelle ultime 48 ore, gli agenti agli ordini di Filippo Portaghese, stanno passando al setaccio l’intera cittadina della Valle di Suessola, dopo aver rivoltato come un calzino l’abitazione che dal momento del ritrovamento del cadavere è sotto sequestro. Nella giornata di ieri, nonostante la festività di Ognissanti, sono continuati gli interrogati di persone che hanno ruotato nell’ultimo periodo attorno alla vita del magrebino che, a quanto pare, potrebbe ancora essere in Italia e quindi non scappato all’estero, e di preciso nel suo paese d’origine, in quanto non risultano né biglietti d’areo né di nave in partenza e arrivo per il Marocco. Joseph Casablanca, o broccolino come lo chiamavano i cittadini di Cervino in quanto per anni ha lavorato nel mercato ortofrutticolo di Roma e quindi aveva a che fare con le verdure, potrebbe nascondersi non poco distante da via Carmiano o addirittura aver cambiato identità, considerato che per l’Italia era comunque un clandestino. Intanto, nella giornata di domani al massimo sarà effettuato l’autopsia sul corpo della 38enne presso l’ospedale Civile di Caserta. La salma poi sarà restituita ai familiari ed in particolare al figlio che viveva con lei a Pallonetto di Santa Lucia e all’ex marito, il quale nella giornata di domenica ha denunciato la scomparsa della donna. Le piste che seguono gli inquirenti, su disposizione della Procura di Santa Maria Capua Vetere, sono molteplici. Da quella passionale a quella dello spaccio. Quest’ultima, però, resta quella maggiormente accredita in quanto Joseph Casablanca e l’ex marito di Juliya ruotano nel mondo dello spaccio di droga.