CasertaCronaca

Nuova lettera-denuncia degli operatori del 118


Caserta (p.g). La Confraternità Misericordia di Caivano riceve il pagamento di tutte le spettanze arretrate dall’ASL. Il servizio 118 in provincia di Caserta continua, quindi, regolarmente. Resta ancora, però, irrisolto il problema della situazione dei volontari. Questa, in buona sostanza, il contenuto della lettera denuncia che alcuni “lavoratori” del servizio hanno inviato in redazione e che qui pubblichiamo integralmente: “Soldi pubblici per pagare lavoratori in nero. Purtroppo, nonostante, il pagamento da parte dell’ASL delle spettanze della Confraternità Misericordia, della nostra condizione di volontari già nessuno pare preoccuparsene. Il clamore dei giorni scorsi, le nostre giuste rivendicazioni sono già un lontano ricordo. Intanto noi continuiamo a fare un lavoro delicatissimo e siamo sempre a disposizione dei cittadini. Intanto noi continuiamo a percepire un misero rimborso spese pari a tre euro l’ora con turni massacranti e senza alcuna garanzia ed alcun diritto e senza che ci vengano corrisposti contributi previdenziali, ferie, malattia e festività. Intanto noi continuiamo a svolgere un servizio delicatissimo per la collettività per conto di una ONLUS mentre anche i servizi di portineria o di pulizia vengono affidati a società e cooperative esterne che inquadrano i dipendenti riconoscendo loro tutte le garanzie ed i diritti previsti dai rispettivi contratti. Questa volta non rimpiomberemo nel silenzio assordante che, nonostante le sirene, da anni circonda la nostra vita lavorativa, non siamo più disposti a subire e a vivere una condizione che già definirla precaria è un lusso. Questa volta siamo pronti a far valere i nostri diritti e a veder garantita la nostra sicurezza economica e lavorativa. Presto organizzeremo riunioni ed incontri e rivendicheremo con forza i nostri diritti!”. 

Tags

Related Articles

Back to top button
Close