SESSA AURUNCA (Od. Sf.) – E’ stato il comandante della Compagnia dei Carabinieri locale, Giuseppe Fedele, a guidare il blitz delle forze dell’ordine (polizia e carabinieri) presso la struttura-bunker che aveva, in passato, ospitato il boss del clan dei Muzzoni, Mario Esposito. La struttura in via Pontenuovo, alle porte di Sessa Aurunca, era stata rioccupata da tre famiglie, per un totale di 13 residenti, facenti capo a Giuseppe e Biagio Esposito, fratelli di Mario detenuto in carcere in regime di massima sicurezza. I parenti del boss, in ogni caso, non hanno opposto la minima resistenza e alla richiesta di sgombero hanno rapidamente fatto i bagagli e lasciato lo stabile. Ora il nascondiglio del boss verrà gestito dallo Stato ed è già decisa l’installazione della nuova sede del commissariato di Polizia della città aurunca.