L’Anap inaugura la Confederazione europea dei professionisti e imprese

L’Anap inaugura la Confederazione europea dei professionisti e imprese
image_pdfimage_print

Presentata a Roma l’associazione Europea dei Professionisti e dell’Imprese (AEPI). In Campidoglio, nella sala Promototeca dei Musei Capitolini, sono stati illustrati al pubblico la mission della confederazione e i relativi punti di programma che verranno messi in campo nei prossimi mesi per rappresentare e valorizzare gli attori principali dello sviluppo economico del paese. Nella compagine dei soci fondatori del nuovo soggetto sindacale è annoverata l’A.N.A.P., Associazione Nazionale Aziende e Professionisti, che siede al tavolo del consiglio direttivo e che per rappresentanza sul territorio nazionale è stato incaricato alla vice presidenza.
La scelta di puntare sul binomio “Aggregazione e democraticità” è stato il filo conduttore dell’incontro, moderato dal giornalista Franco Bechis, che ha visto la partecipazione del vice sindaco di Roma Luca Bergamo, dell’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Lazio Gian Paolo Manzella, di Mino Dinoi e Diego Moscheni, presidente e vice presidente AEPI, Renato Burigana a capo dell’associazione Co.Ne.Pro e dei deputati Maria Stella Gelmini, Barbara Saltamartini e Nicodemo Oliverio. Al centro del dibattito i temi della semplificazione, il made in Italy, l’innovazione tecnologica, l’industria 4.0 e la possibilità di dotare le imprese di efficaci strumenti finanziari per favorire la crescita delle attività produttive e formare la classe dirigente del futuro, capace di sostenere le scelte decisionali strategiche per l’Italia. “L’obiettivo principe di ANAP – spiegano i vertici in un comunicato – è quello di elaborare un formulario per pianificare il diretto coinvolgimento delle regioni e province italiane. In qualità di vice presidenti del nuovo soggetto di rappresentanza – continua la nota – abbiamo già preso contatti con le istituzioni per migliorare le relazioni ed aumentare la tutela sindacale per le imprese negli enti locali”.

Related posts