CASERTA (red. cro.) – Cessato l’allarme per uno degli appuntamenti più tradizionali delle festività natalizie. Dalla Vaccheria, infatti, è arrivata una buona notizia: il presepe vivente settecentesco si farà anche in questo 2017. Nelle scorse settimane gli organizzatori avevano paventato il rischio di non riuscire a sostenere il peso economico della nuova edizione. Non sappiamo cosa sia successo e chi sia intervenuto ma i residenti della Vaccheria, animatori della manifestazione, stanno festeggiando via social la conferma dell’edizione 2017. Il Presepe Vivente settecentesco della Vaccheria si sviluppa su un percorso di circa due chilometri attraverso le vie del borgo della Vaccheria e il bosco adiacente, ai lati del quale vengono ricreate scene e ambienti riproposte in una visione tecnicamente più vicina agli usi e costumi settecenteschi del luogo, coinvolgendo così ogni visitatore in un’avventura scenografica senza precedenti. Altra particolarità del presepe della Vaccheria sono i vestiti delle decine di figuranti coinvolti, interamente realizzati a mano con autentici tessuti di San Leucio.

Il Presepe Vivente della Vaccheria si farà anche quest’anno grazie alla sinergia tra Comune e Regione. Casale: “Abbiamo salvato un patrimonio della città”.

 

Il Presepe Vivente della Vaccheria si farà anche quest’anno. L’operazione è stata resa possibile grazie ad un accurato lavoro svolto in sinergia tra il Comune di Caserta e la Regione Campania, al termine di un confronto serrato tra l’assessore comunale agli Eventi, Emiliano Casale, e l’assessore regionale al Turismo, Corrado Matera. Il Comune di Caserta, infatti, è riuscito a riservare una parte dei fondi regionali destinati agli eventi natalizi proprio al Presepe Vivente della Vaccheria, che quindi potrà regolarmente svolgersi nell’incantevole scenario naturale della frazione.

AGG. ORE 12.10 – E’ stato lo stesso ufficio stampa del comune di Caserta a rilasciare l’ufficialità della notizia conferma del presepe vivente della Vaccheria e a riportare le dichiarazioni dell’assessore competente Emiliano Casale. “L’intervento del Comune – ha spiegato l’assessore Casale – è stato fondamentale e risolutivo in quanto senza lo stanziamento di queste risorse quest’anno il Presepe Vivente sicuramente non sarebbe stato allestito. Voglio ringraziare il sindaco Marino per la fiducia accordatami, assegnandomi il compito di recuperare una manifestazione di fondamentale importanza per la città. Ringrazio anche i consiglieri comunali che si sono spesi molto per riuscire nell’intento di salvare un evento di straordinaria rilevanza e che ormai si svolge da circa vent’anni, costituendo una parte significativa della tradizione della frazione della Vaccheria e dell’intera città. Sono particolarmente felice di questo risultato in quanto il Presepe Vivente è sempre riuscito a convogliare in città un gran numero di visitatori provenienti soprattutto da altre province e regioni. L’Amministrazione – ha concluso Casaleè particolarmente sensibile nei confronti delle manifestazioni capaci di aumentare in maniera considerevole i flussi turistici in città”.