MADDALONI – “Oggi mentre tutto il mondo combatte per l’emergenza Covid-19 e soprattutto all’alba di quanto è successo stanotte a Capodichino, dove ha perso la vita un giovane poliziotto, un servitore dello Stato, volevo ricordate che il 27 aprile non potrà mai essere un giorno normale per la città di Maddaloni. Infatti, era il 27 aprile del 1993 quando il poliziotto Michele Del Giudice morì in un agguato fuori la Questura della Squadra Mobile.
Quel Michele Del Giudice, figlio della nostra città, che fu ucciso facendo il proprio dovere. La stessa sorte, è toccata sei anni fa al carabiniere Tiziano Della Ratta, ammazzato dai malviventi nel tentativo di mettere a segno una rapina all’interno di una gioielleria in via Ponte Carolino. La città Maddaloni non deve dimenticare questi eroi figli della nostra terra che hanno pagato con la vita la sicurezza di noi cittadini. Onore a loro”.
Questo è quanto ha dichiarato Giuseppe Espugnato, segretario cittadino dell’Ugl, nel corso di un suo appello alla cittadinanza di Maddaloni.