Il Comune e la Chiesa offrono casa ad una famiglia di sfollati a Marcianise: loro rifiutano

Il Comune e la Chiesa offrono casa ad una famiglia di sfollati a Marcianise: loro rifiutano
image_pdfimage_print

Marcianise (Carmine Zito). Ha rinunciato alla sistemazione abitativa offerta dal Comune. Uno degli sfollati di Parco Primavera rimasti in strada a seguito della demolizione del centro polifunzionale avrebbe potuto fruire dell’accoglienza della Comunità Madre Bambino di Caserta. La retta sarebbe stata pagata integralmente dal comune. Ma, pur non lavorando, ha rifiutato per iscritto la proposta. In pratica la motivazione addotta è la sua volontà di prendere in fitto un appartamento. Ma, a quanto risulta, coloro che sono rimasti in strada, avrebbero rifiutato anche il fattivo aiuto offerto dalla Chiesa. Sia don Paolo del Duomo che don Antonio della chiesa di San Simeone si erano offerti di sistemare queste persone. Ma, a quanto si è capito, gli sfollati non hanno accettato le soluzioni proposte. Evidentemente, oltre alla volontà di trovare una casa in locazione, l’aspettativa di queste persone è di ricevere un alloggio dall’Istituto autonomo case popolari. Certo che il rifiuto di soluzioni abitative sia pur di emergenza da parte di chi per anni ha occupato abusivamente un immobile, lascia perplessi. Ecco il documento di rinuncia ufficiale:

Ecco la nota
Ecco la nota

Related posts