Il Comune di San Felice a Cancello partecipa alla kermesse di Casamarciano

San Felice a Cancello. Sin dal loro insediamento è stata una presa di posizione, portata avanti senza se e senza ma. Numerose le associazioni dislocate sul territorio, ma anche qualche scuola, che specialmente negli ultimi mesi aveva richiesto anche solo un patrocinio morale (basta pensare alla preside dell’Istituto Gesuè colta da malore a seguito di una discussione con uno dei commissari prefettizi per ottenere il via libera in piazza per il saggio di fine anno). Loro, i tre commissari prefettizi del Comune di San Felice a Cancello, hanno sempre preferito mantenere le distanze. Strano ma vero, però, qualche giorno fa (come compare sia in una delibera che poi su un manifesto pubblico) l’ente locale suessuolano dà il suo patrocinio ad un’iniziativa del Comune di Casamarciano che, dal 1 al 9 settembre ha organizzato il Festival Nazionale del Teatro. Insomma, San Felice a Cancello insieme ad altri comuni dell’area nolana parteciperà all’evento che ha ricevuto il finanziamento della Regione Campania pari a 70mila euro. Al momento, non si conoscono i termini dell’iniziativa e se questa ha pesato sul bilancio comunale ma già il fatto che San Felice vada a fare il partner con Comuni dell’agro nolano con i quali non spartisce nulla ma solo per favorire quell’area, è grave ed è ancora più grave che i sanfeliciani per fare un evento e per tentare di portare un pizzico di vita e dare continuità ad una tradizione, sono costretti a pagare diritti di istruttoria, suolo pubblico a tariffe esorbitanti ecc. ecc. Sul caso alcune associazioni del territorio annunciano battaglia.