SAN MARCELLINO (Ettore Cantile) – “Ascoltando il Telegiornale mi sono intristito vedendo tutte quelle persone che si affacciavano dai balconi che cantavano e avevano una tale voglia di abbracciarsi in un momento così particolare, ci conferma Francesco Fabozzi, da noi raggiunto telefonicamente per farci raccontare la nascita di questa bella canzone dedicata al lockdown del Coronavirus.

Da quì mi è venuta l’idea di scrivere una canzone con chitarra e voce.
A scuola mia c’è il tastierista di Peppino di Capri, Enzo Anoldo, che appena ha ascoltato la canzone che avevo composto “Aspettanno”, che volevo intendere come la voglia dell’attesa di una stella, di un’illuminazione, di un qualcosa che potesse salvare la vita di migliaia di persone.

Composto i versi subito piacque ad Enzo, che la presentò a Peppino di Capri.
Il gruppo musicale che accompagna Peppino intuì subito che potesse essere di grande interesse musicale, tanto che i primi arrangiamenti sono stati inviati in Brasile dove Peppino di Capri è molto amato e presto andrà a fare un concerto”. La canzone è già nota e i brasiliani la stanno cantando in questi giorni.

“Aspettanno”, in queste ore sta diventando davvero un inno alla quarantena ed è già molto ascoltata sui social.