Maddaloni (red.pol.). Il Pd non perde tutti i pezzi. Qualche pezzettino resta ma il puzzle è sempre “sparpagliato”. Dopo la decisione di Angelo Tenneriello e Peppe Razzano di abbandonare la “barca” e di guardare verso una casa dei moderati, che a quanto pare l’ex sindaco Antonio Cerreto vuole ricostruire come alternativa alla corazzata di Andrea De Filippo, già forte di almeno sette liste, l’avvocato Luigi Russo, cugino dell’ex senatore Gaetano Pascarella prende la sua decisione e resta ancorato al partito aspettando le evoluzioni dei prossimi mesi e le scelte che si faranno in vista delle Comunali di primavera.  Il duo Razzano-Tenneriello perde così un appoggio solido e valido, considerato che nell’ultima tornata elettorale il figlio dell’avvocato Russo era stato eletto consigliere comunale. A questo punto bisognerebbe comunque capire se Russo è rientrato a tutti gli effetti nel Pd o la sua scelta sia legata ad una questione strettamente familiare e, quindi, consigliata dall’ex senatore che, a conti fatti, potrebbe essere l’unico al momento a poter raddrizzare la barca e mettere un po’ di ordine. Non resta che attendere. Certo è che De Filippo con questo quadro rivincerebbe facilmente.