CASTEL VOLTURNO – Doveva essere il primo giorno di ripresa dopo il lockdown per il lido “La Plancia” di Castel Volturno, uno dei piu’ estesi del litorale domizio, ma il titolare questa mattina ha trovato porte divelte e interni a soqquadro: nella notte infatti entrati i ladri, giusto in tempo per portargli via i due costosi televisori al plasma installati nella struttura oltre a una motosega. E’ stata presentata denuncia ai carabinieri. La beffa si e’ aggiunta al danno.

“Non e’ stata un bella ripresa” dice il titolare Enzo Santo, che riveste anche un ruolo importante nella Cna (Confederazione nazionale dell’Artigianato) Campania Nord, quale portavoce proprio degli imprenditori balneari campani. Oggi doveva essere il “primo giorno di un nuovo inizio”, con la pulizia dei parcheggi e dei locali interni. “Andiamo avanti” dice Santo facendosi coraggio, anche perche’ c’e’ da organizzare gli spazi per poter essere pronti ad accogliere i turisti. L’imprenditore, avendo una spiaggia molto estesa, ha deciso di distanziare gli ombrelloni di otto metri l’uno dell’altro, ma di non realizzare recinti con cordicelle, come paventato da altri colleghi, perche’ “la gente deve sentirsi libera”; delle corde verranno pero’ usate per creare percorsi ad hoc, anche in mare, in modo da evitare incroci di persone a assembramenti rischiosi; cosi’ i prodotti di bar e ristoranti saranno serviti in spiaggia. Gli ingressi al lido saranno contingentati per fasce orarie, sara’ previsto uno strumento per la prenotazione online, e l’utilizzo dei servizi igienici e delle docce sara’ costantemente controllato dai dipendenti.