CASERTA – Anche le spiagge e gli operatori balneari del litorale Domitio, in vista della imminente stagione estiva, dovranno adeguarsi alle norme dettate dal Governo centrale per contenere l’emergenza da Coronavirus.
Ma, vediamo quali sono le ipotesi allo studio del Comitato scientifico per aprire le spiagge in sicurezza.
La spiaggia dell’estate 2020 sarà meno libera e più controllata. Accessi a “numero chiuso”, piantane degli ombrelloni distanziate, controlli con droni e vigili tra i bagnanti. Diversi Comuni balneari, tra cui quelli della costa casertana, dovranno farsi trovare pronti ad attrezzare le spiagge libere per la prossima estate, ipotizzando l’alternativa agli stabilimenti privati e convinti che «se ci sarà controllo non si rischia nessuna bomba epidemiologica sui lidi pubblici». Perchè rendere sicure le spiagge libere significa anche regalare il mare a tutti e rendere le vacanze veramente accessibili.