NAZIONALE – Gli scienziati che lavorano per l’esercito americano hanno progettato un nuovo test Covid-19 che potrebbe potenzialmente identificare i portatori prima che diventino contagiosi e diffondano la malattia, lo rivela il Guardian.
In quella che potrebbe essere una svolta significativa, i coordinatori del progetto sperano che il test del sangue sarà in grado di rilevare la presenza del virus già 24 ore dopo l’infezione – prima che le persone mostrino i sintomi e diversi giorni prima che un positivo sia considerato in grado di diffonderlo ad altri persone. Se viene concesso l’EUA, il test dovrebbe iniziare ad essere implementato negli Stati Uniti nella seconda metà di maggio.

L’approvazione non è garantita, ma gli scienziati di Darpa sono entusiasti del potenziale impatto dato che i governi allentano i blocchi tra le preoccupazioni per il controllo dei potenziali focolai della seconda ondata. Il test è emerso da un progetto istituito dalla Defense Advanced Research Projects Agency (Darpa) dell’esercito americano volto alla diagnosi rapida di avvelenamento da germi o guerra chimica. È stato riproposto in fretta quando è scoppiata la pandemia e si prevede che il nuovo test sarà presentato per l’approvazione di emergenza (EUA) dalla Food and Drug Administration (FDA) americana entro una settimana. “Il concetto colma una lacuna diagnostica in tutto il mondo”, ha detto al Guardian il capo dell’ufficio delle tecnologie biologiche di Darpa, il dott. Brad Ringeisen, poiché dovrebbe anche colmare i vuoti di prova nelle fasi successive dell’infezione. Se ottenuto l’approvazione della FDA, ha detto, aveva il potenziale per essere “assolutamente un gamechanger”.