CASAPESENNA – Andra’ ai domiciliari nella sua abitazione di Casapesenna Renato Piccolo, 47 anni, fedelissimo del boss Michele Zagaria. Il tribunale di Avellino ha infatti accolto i rilievi del suo legale, Paolo Caterino, ritenendo a rischio la sua permanenza in carcere durante la pandemia da Covid 19 per la patologia cronica cardiaca. Piccolo e’ in carcere dopo una condanna a 10 anni per estorsione con metodo mafioso legata a una operazione del 2011 in cui fu arrestato insieme ad altri sei indagati; il gip Maria Vittoria Foschini, accogliendo le richieste del pm Catello Maresca, che poi portera’ a processo e a condanna Piccolo un’altra volta nel 2018, aveva sottolineato come nonostante la cattura di Zagaria, il suo gruppo avesse continuato a vessare con richieste di ‘pizzo’ imprenditori e commercianti nel territorio.