MIGNANO MONTE LUNGO – Una trentina di persone sono finite in isolamento in seguito all’incontro di due fidanzati. È successo a Mignano Montelungo, in provincia di Caserta, dopo che uno studente universitario si è recato la settimana scorsa a Cassino per incontrare la sua “congiunta”.
Il giorno dopo, la ragazza si è sottoposta a un tampone perché un suo familiare aveva contratto il Covid-19. Nello stesso momento, il fidanzato stava incontrando un gruppo di amici del suo paese.

Così, quando la ragazza ha saputo di essere positiva è scattata la quarantena per tutta la famiglia del ragazzo e per altre sette famiglie, quelle degli amici che aveva incontrato.
“La situazione – ha detto il sindaco di Mignano Montelongo, Antonio Verdone – appare sotto controllo, ma ovviamente dobbiamo attendere l’esito degli esami ai quali sarà sottoposto il giovane nei prossimi giorni”.
“L’episodio che ci auguriamo abbia un esito favorevole, ovvero non rilevi alcuna positività, ci deve far riflettere sul fatto che, purtroppo, l’emergenza non è ancora passata, e ci deve far capire che atteggiamenti o comportamenti che non rispettano le regole vigenti creano seri problemi a tutti”, ha aggiunto il primo cittadino.
“Rivolgo, pertanto, ancora una volta, un pressante invito a tutti a non disperdere tutto quanto di buono abbiamo fatto finora con comportamenti non consoni con la crisi epidemiologica che stiamo vivendo e che, ripeto, non è ancora finita”, ha concluso il sindaco del paese campano.