CASERTA – I piccoli commercianti e artigiani, soprattutto barbieri e parrucchieri sono ormai in crisi profonda, e le restrizioni imposte dal decreto governativo, che prevedono ancora tempi lunghi per la riapertura, hanno ulteriormente aggravato un settore che già faceva registrare grosse perdite.

Non ne possono più. Barbieri, parrucchieri e titolari di centri estetici sono allo stremo. Impossibile per loro reggere fino al primo giugno. «Siamo stati i primi a chiudere e saremo gli ultimi ad aprire – gridano in coro – Perchè sugli autobus si può salire in tanti e nei nostri negozi non può entrare una persona per volta con tutte le protezioni del caso?».