NAZIONALE – Con la mascherina tra i banchi di scuola, seduti separati l’uno dall’altro e, ovviamente, a distanza di sicurezza. La scuola deve fare i conti con l’emergenza e, nell’eventualità che possa riaprire per gli esami di Stato, pensa a come organizzare le prove con i ragazzi in aula oppure online.
Il decreto scuola, che verrà varato probabilmente domani, contiene le indicazioni su possibili scenari futuri legati all’emergenza da Covid-19: qualora la curva dei contagi lo permettesse, si tornerebbe in classe entro il 18 maggio e la maturità potrebbe svolgersi in presenza oppure, se non fosse possibile rientrare tra i banchi per quella data, l’anno scolastico terminerebbe con la didattica a distanza e in quel caso gli esami si svolgerebbero con una sola prova orale che potrebbe essere anche online. Ma le modalità operative sono tutte da vedere.