Caserta (Pasquino Corbelli). Manca davvero poco al fischio d’inizio della sfida di Coppa Italia tra Casertana-Sambenedettese in programma al “Pinto” alle 20.30, gara che sarà arbitrata da Giacomo Camplone di Pescara. Per questo incontro, che manca a Caserta da 28 anni, ci si aspetta un ricco turnover da parte di D’Angelo e Capuano. Anche se il tecnico pescarese ha dichiarato pubblicamente che la Casertana punta al passaggio del turno. “Faremo di tutto per passare il turno – ha detto – la società ci tiene a vincere, ma a prescindere da questo è giusto scendere in campo ed onorare al massimo questo impegno. Del resto – ha aggiunto – la Coppa Italia, sebbene rappresenti un lungo cammino, può portare a traguardi importanti”. Ricordiamo, infatti, che chi vince il trofeo tricolore accede direttamente alla seconda fase dei play off, a prescindere dalla classifica finale del campionato. “Non è semplice – ha continuato mister D’Angelo – poiché la Sambenedettese ha aspirazioni di promozione, ha una rosa ampia e per questo non sarà una partita facile. Noi proveremo a mettere in evidenza i loro difetti. Turn-over? A prescindere – ha aggiunto – una cosa è certa, scenderà in campo una squadra più che competitiva. Del resto con i cinque cambi disponibili, in campionato hanno trovato tutti spazio”. Fermi ai box per questa gara Galli e Turchetta, entrambi alle prese con infortuni. Quello tra Samb e Casertana, a parte l’incrocio dei sedicesimi di finale tra le due compagini rossoblù, rappresenta anche un ritorno al passato per due ex, oggi protagonisti al Riviera delle Palme. Trattasi di Ezio Capuano e Matteo Patti. Il tecnico, vero giramondo e grande conoscitore del girone sud della Serie C, ha avuto una fugace apparizione alla guida dei “falchetti”: nella stagione 2003/2004 si dimise al termine di una gara di Coppa Italia disputata a San Giuseppe Vesuviano, mentre dieci anni dopo fu esonerato dopo tre gare ed un punto guadagnato. Matteo Patti giocò all’ombra della Reggia nella stagione 2010/2011 collezionando 17 presenze in Serie D. I rossoblù ospiti dovranno fare a meno del solo indisponibile Vittorio Esposito. Largo a Pegorin tra i pali con Ceka nell’undici di partenza. Conson potrebbe trovare una maglia da titolare. Queste le probabili formazioni:

Casertana (4-3-1-2) Benassi tra i pali con Finizio, Rainone, Lorenzini, Ferrara nel pacchetto arretrato, Carriero, De Rose, Cigliano sulla mediana. Colli dietro le punte Padovan e Tripicchio.

Sambenedettese (3-4-3): Pegorin; Mattia, Conson, Di Pasquale; Di Cecco, Damonte, Bove, Ceka; Troianiello, Sorrentino, Di Massimo.

La vincente affronterà negli ottavi la Paganese che nel pomeriggio di ieri ha battuto la Juve Stabia con un gol nel finale dell’inossidabile Scarpa.