Carmine de Lucia

Santa Maria a Vico. Arretrati per acque fognarie e depurazioni: il Comune condannato a pagare le somme previste. E’ quanto affermato sentenza della Corte d’Appello di Napoli in merito alla bagarre tra Acqua Campania Spa e il Comune di Santa Maria a Vico su alcuni arretrati di acque fognarie e depurazioni risalente agli anni tra il 1992 e il 2005. Lo segnala il consigliere comunale capogruppo di ‘Svoltiamo Insieme Liberamente’ Carmine De Lucia che ha presentato un’interrogazione avente oggetto proprio questa sentenza di secondo grado che rappresenta un vero e proprio rischio per l’ente santamariano: il dissesto finanziario. Se venisse confermata nell’ultimo grado di giudizio questa sentenza, non ci sarebbe più nulla da fare: significherebbe dissesto e un aumento sostanziale delle imposte per i cittadini. A questo punto, molto delicato, il consigliere De Lucia vuole conoscere le intenzioni future dell’amministrazione comunale guidata da Andrea Pirozzi e in che modo predisporrà il pagamento che potrebbe avvenire nel caso di un’altra sentenza negativa. Con questa interrogazione l’ingegnere De Lucia ha ritenuto necessario parlarne in Consiglio comunale (che si terrà martedì) e rendere consapevoli tutti i consiglieri e la giunta della questione.