COMMERCIO IN CRISI. Tenneriello: “Ridurre le tasse del 50% ai negozianti del centro storico”

COMMERCIO IN CRISI. Tenneriello: “Ridurre le tasse del 50% ai negozianti del centro storico”


MADDALONI – La crisi del commercio locale e le difficoltà economiche che attanagliano i negozianti del centro storico della città di Maddaloni, sono ormai sotto gli occhi di tutti i cittadini calatini. L’apertura e la repentina chiusura di attività commerciali a Maddaloni, rappresenta uno dei problemi centrali, che è chiamata a risolvere la politica locale, in quanto la “morte del commercio” nel centro storico e nelle periferie, è sinonimo anche di sconfitta delle Istituzioni e dei governanti. L’attuale amministrazione comunale, ovviamente, non ha certamente la bacchetta magica che gli consente di risolvere qualsiasi problema legato al territorio, ma almeno tentare di creare le condizioni affinché il settore possa uscire dalla crisi o dal baratro nel quale è piombato il commerciante maddalonese. Del problema commercio, se ne sta occupando in questi giorni il consigliere comunale di opposizione, Angelo Tenneriello di “Maddaloni Positiva”, che ha presentato una mozione per definire un regolamento comunale che dia la possibilità alle attività commerciali situate nel centro storico di avere una riduzione delle tasse comunali (Tari, Cosap o Tosap) del 50% e per una durata di quattro anni ed una riduzione del 20% dei tributi locali e sempre per una durata di quattro anni per tutte quelle attività che si insediano in periferie.
“La crisi del commercio – dichiara Angelo Tenneriello – sta determinando una evidente riduzione degli introiti del Comune con gravi ripercussioni sulle Casse dell’Ente locale che si ripercuotono inevitabilmente sui servizi offerti ai cittadini. E’ scopo di una buona amministrazione incentivare la creazione di nuove attività commerciali ed adottare azioni volte a rivitalizzare il centro storico. Nel comune di Maddaloni – conclude il consigliere di opposizione – vige un livello di tassazione elevato che potrebbe scoraggiare l’apertura di nuove attività commerciali a vantaggio delle attività poste nei comuni limitrofi”.

Mozione Tributi


Related posts