CASTEL VOLTURNO. BENI CONFISCATI: AGGIUDICATA LA GARA PER LA RISTRUTTURAZIONE

CASTEL VOLTURNO. BENI CONFISCATI: AGGIUDICATA LA GARA PER LA RISTRUTTURAZIONE
image_pdfimage_print

Quando l’attuale amministrazione si è insediata, tra le principali problematiche c’era quella legata al riutilizzo, per fini sociali, dei beni confiscati alla camorra. La nostra città è uno dei comuni italiani con il più alto numero di beni confiscati, che per il pessimo stato di conservazione in cui questi immobili versavano, dopo anni di incuria e degrado, avremmo dovuto parlare di “mali” confiscati. Un lavoro metodico che parte da lontano, che ha visto l’amministrazione comunale, grazie al consigliere Alessandro Buffardi,  addirittura provvedere ad un censimento degli immobili in questione fino ad allora inesistente. L’indirizzo che l’amministrazione si è data è stato chiaro fin da subito: utilizzare questi beni per rispondere alle specifiche esigenze della nostra comunità, perché possano essere strumenti di sviluppo sociale, opportunità di inclusione, accrescimento culturale e formativo soprattutto per le fasce più giovani della popolazione.

Quando verso la fine del 2017, la Regione Campania ha pubblicato un “Avviso per l’individuazione di interventi finalizzati al riuso e alla rifunzionalizzazione di beni confiscati alla criminalità organizzata” l’amministrazione comunale ha subito percepito l’importanza e la portata del progetto. Tra le proposte ammissibili a finanziamento, oltre che le classiche opzioni come centri di accoglienza, si è optato per misure che hanno posto interventi che soddisfino i fabbisogni della cittadinanza locale. Il Sindaco Dimitri Russo e l’assessore con delega ai beni confiscati, Rosalba Scafuro,  hanno immediatamente intuito che era possibile usare quei fondi per realizzare momenti di forte aggregazione e stimolare la partecipazione sociale dei giovani castellani, formandoli per l’inserimento nel mondo del lavoro sottraendoli alle organizzazioni criminali e incentivando, così, l’economia locale sana e legale.

Questo è il percorso delineato per stimolare il senso di comunità e appartenenza attraverso la riappropriazione e la fruizione di quegli spazi che un tempo rappresentavano l’espressione della malavita sul territorio. Da oggi quei luoghi saranno centro di fondamentale importanza per tutti i cittadini di Castel Volturno.

Il progetto riguarda tre ville, che saranno riconvertire in spazi laboratoriali:

La Cucina Didattica, in località Baia Verde, in cui verrà realizzato un laboratorio di cucina in cui saranno implementati corsi e attività formative volte ad offrire competenze professionali nell’ambito della ristorazione in partenariato con l’Istituto Alberghiero “I.S.I.S Vincenzo Corrado” di Castel Volturno e con altre associazioni del settore enogastronomico;

La Casa del Cinema, all’interno del parco Faber in via Cosenza, dove verrà allestito uno spazio per la promozione e lo sviluppo di competenze professionali in ambito cinematografico che vedrà coinvolti registi come Edoardo De Angelis;

La Casa della Musica, sempre all’interno del parco Faber, per la valorizzazione dell’espressione musicale locale in chiave innovativa, in collaborazione con realtà nazionali di rilievo, a partire dalla Fondazione De André con la quale il comune ha già un siglato un’intesa per il sostegno delle attività che verranno realizzate. Nello specifico verrà collocata una sala di registrazione musicale e un laboratorio formativo aperto alla cittadinanza.

I tre progetti sono stati realizzati in tempi da record, meno di un mese, e sono stati inoltrati entro la scadenza del bando, ovvero il 31 gennaio 2017. È stata una vera e propria lotta contro il tempo che ha visto impegnato totalmente l’ufficio lavori pubblici con il supporto costante dell’assessore Giuseppe E. Scialla.

“Sono stati giorni intensi e frenetici in cui sono stati messi da parte impegni professionali, personali e familiari. Basti pensare al solo fatto che la PEC di partecipazione al bando è partita precisamente, alla fine di una estenuante giornata, alle 00:44 dell’ultimo giorno utile. Ma la sfida è stata vinta e non rimpiangiamo un solo istante del tempo speso. Le buone pratiche, l’affidabilità e la trasparenza hanno portato il comune di Castel Volturno ad ottenere un finanziamento complessivo di € 1.479.347,77 su € 1.500.000,00 massimo. La gara di appalto è stata aggiudicata l’8 aprile scorso. Decorsi i 30 giorni per le verifiche di legge, ci sarà l’inizio dei lavori. Un’altra Castel Volturno è possibile!”

Related posts