Casagiove. Ville comunali in uno stato di abbandono totale, il consigliere D’Angelo alza la voce e denuncia il tutto in una nota al vetriolo. “Basta una passeggiata in una giornata qualunque per le ville cittadine per rendersi conto dello stato in cui versano. Si parla ormai da anni di ridare linfa ai “polmoni” di Casagiove grazie, per esempio, ad attività ricreative per i più piccoli. Insomma, delle piccole “oasi” la cui tutela, a mio avviso, dovrebbe essere una priorità per ogni Amministrazione, motivo per cui, durante il mio assessorato, ho voluto più volte essere presente ai sopralluoghi e ai cosiddetti “giri di perlustrazione” delle stesse per valutarne lo stato. È quindi con grande rammarico che mi ritrovo a prendere visione dello stato di degrado e di totale abbandono in cui versano attualmente le villette della nostra città: rifiuti di ogni tipo sparsi qua e là; cestini stracolmi che non vengono svuotati da tempo; panchine non utilizzabili; giostre rotte o, nel migliore dei casi, arrugginite dalla pioggia. Quello che per l’avventore dovrebbe essere un piacevole momento di relax è ormai diventato un continuo “salto dell’ostacolo”; molti genitori hanno smesso di portare i propri figli a giocare su giostre diventate ormai pericolose. Sembra quindi che nell’ultimo periodo l’Ufficio stia riservando attenzione pressoché nulla alla manutenzione delle nostre villette. Non sarebbe doveroso ritornare alla buona vecchia abitudine dei giri di perlustrazione? Mi chiedo come sia possibile che il discorso delle convenzioni, inizialmente apparso come una priorità, sia passato così tanto in secondo piano. Al suo tempo la commissione del verde aveva avviato la procedura, occupandosi dell’approvazione dello schema di convenzione; procedura, però, non completata perché tale schema, portato in consiglio comunale, presentava dei vizi di forma. Dopo ciò, il nulla. Non sarebbe quindi il caso di tornare a far diventare una priorità quella che, appunto, proprio “priorità” era stata chiamata in origine? Anche le foto da me postate nei giorni scorsi parlano chiaro: urge avviare tutta la procedura per l’affidamento a terzi delle villette, da regolamentare attraverso delle convenzioni. Alla luce del nuovo rimpasto, si attende adesso la rivisitazione delle commissioni consiliari ai fini di tali procedimenti. Le villette comunali di Casagiove sono un bene civico e, in quanto tali, devono essere rese fruibili alla cittadinanza in condizioni decorose”.