Ecaserta

Cani scuoiati per mangiarne la carne a Castel Volturno, aperta un’inchiesta dalla Procura

Cane scuoiato a Castel Volturno


Castel Volturno (Maria Assunta Cavallo). Ha fatto il giro del web il video girato da un cittadino a Destra Volturno, uno dei quartieri più desolanti di Castel Volturno, dove in strada giaceva la pelle di un cane scuoiato. Immagini raccapriccianti che hanno indignato l’opinione pubblica e buona parte del mondo politico. A manifestare pubblicamente il suo sconcerto sulla vicenda di Castel Volturno é stato Emilio Borrelli, giornalista professionista e Consigliere Regionale (verdi), della Regione Campania, da sempre impegnato nel sociale. Nelle ultime ore il popolo del web sarebbe indignato per un altro video – denuncia di un cuoco Italiano, che afferma di chiamarsi Donato Carrisi, e di essere lo chef di un ristorante Svedese. Nel video il cuoco mostra un documento arrivato ai proprietari del locale, a firma del ministero, in cui si annuncia la legalizzazione in Svezia della carne di cane che, sempre secondo l’autore del video, presto potrebbe essere legalizzata anche in Italia. Un argomento tabù, al centro però di una fake news, in quanto non si registrano provvedimenti di questo tipo in questa nazione. Inoltre, l’autore del video che si spaccia per Martino Carrisi, si chiamerebbe Donato. Per quanto possa trattarsi probabilmente di una bufala, nelle sue parole vi è però un velo di verità, in quanto a Castel Volturno, dopo i recenti fatti di cronaca, prende sempre più corpo l’ipotesi del consumo di carne di cane da parte degli immigrati che risiedono in questa zona. Le ipotesi si spingono anche oltre il consumo personale, e questo dubbio crea ancora più sgomento. Trapelano anche importanti indiscrezioni riguardo ad una inchiesta aperta dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere affidata ai carabinieri della Compagnia di Mondragone, per far luce su quanto di macabro sta accadendo in queste zone.