Cani randagi, Velardi vieta la somministrazione del cibo in strada

Cani randagi, Velardi vieta la somministrazione del cibo in strada

Marcianise (P.G.). Lotta al randagismo. Il Sindaco vieta la somministrazione di cibo agli animali randagi. L’ordinanza è la numero 34 del 18 settembre e finirà certamente per sollevare un vespaio di polemiche. Ma il problema del randagismo è certamente rilevante sul territorio. Sono state, infatti, proprio le numerose segnalazioni e denunce di episodi di aggressione a determinare l’Amministrazione. L’Asl, la Direzione Sanitaria e la Municipale, infatti, hanno segnalato più volte la presenza di branchi di cani randagi proprio in via Orto dell’Abate, in prossimità del presidio ospedaliero. L’ordinanza è supportata anche da una relazione dell’ASL – Servizio veterinario nella quale si individua nella somministrazione una delle concause del randagismo con conseguenze negative sotto il profilo igienico sanitario. Nell’ordinanza, il Sindaco riferisce di ulteriori strumenti già adottati, come il controllo da parte della Municipale che sono risultati, tuttavia, inadeguati. Non mancano le perplessità. Quali saranno le sanzioni per i cittadini che contravverranno? La stessa ordinanza, inoltre, impone il divieto su tutto il territorio comunale, ma poi precisa che tale divieto vige soprattutto per via Orto dell’Abate. Per la verità, tali ordinanze sono state emanate anche in altre città italiane. Ma le associazioni ambientaliste hanno da sempre ritenuto questi provvedimenti non adeguati e troppo radicali. Intanto, sul territorio di Marcianise, non si provvede a sterilizzare gli animali randagi. Ed i numerosi episodi di aggressioni ai danni dei passanti, avvenuti soprattutto in prossimità dell’Ospedale hanno indotto Velardi ad adottare il provvedimento.


Related posts