CASERTA – Avevano droga in casa. Padre e figlio, rispettivamente un 53enne e un 26enne di CASERTA, sono stati arrestati dalla squadra mobile di CASERTA poiché ritenuti responsabili in concorso di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, in flagranza. L’operazione di polizia è stata realizzata nell’ambito di un servizio della squadra mobile casertana, con l’ausilio delle unità cinofile della guardia di finanza del Gruppo dei Baschi verdi di Aversa, contro il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti. Il figlio è stato riconosciuto dai poliziotti della sezione ”Falchi”, in quanto sottoposto alla misura coercitiva dell’obbligo di firma ed è stato sottoposto a un controllo, approfondito poi con una perquisizione domiciliare. Arrivati nei pressi dell’abitazione, in un rione popolare di CASERTA, il giovane ha urlato, dall’esterno, al padre di non aprire la porta di casa. Quest’ultimo, avendo capito che il figlio era insieme ai poliziotti, ha tentato di disfarsi di numerosi involucri di droga, recuperati poi dalla polizia. Nell’abitazione sono stati trovati un bilancino di precisione e circa 4.000 euro divisi in banconote di vario taglio. Padre e figlio sono stati arrestati.