MONDRAGONE (Maria Assunta Cavallo). Esistono molti trucchi sul carburante da parte di benzinai pronti a raggirare il cliente che va a fare rifornimento.
I metodi usati sono diversi, e tra i tanti c’è quello della pubblicità ingannevole, ovvero sul cartellone principale è segnato il prezzo che fa da specchietto per le allodole, mentre sul display dell’erogatore c’è un prezzo maggiorato.
Ed é proprio questo che sta avvenendo da diverso tempo, secondo alcune indiscrezioni, in uno dei maggiori distributori di benzina della città riviersca riguardo al prezzo del gasolio, facendo adirare non poco chi è incappato in questa situazione.
I sistemi per raggirare i clienti sono molti, come ad esmpio la manomisisione della pompa in modo da mostrare al display meno litri di quelli che realmente eroga. Un altro tipo di manomissione è quello di fare in modo che il display mostri un prezzo al litro inferiore di quello che realmente calcola.
Mettere un fermo alla pistola erogatrice. I dipendenti del distributore non azzerano il contatore, e spesso chi va di fretta non si accorge di quello che avviene.
Benzina allungata. Ovvero nelle cisterne di benzina, vengono immessi litri e litri di oli esausti, e in molti casi addirittura acqua, che potrebbero portare anche alla rottura della vostra auto.
Dunque, quando vi recate a fare rifornimento aguzzate bene la vista.