Così le pecore curano le aiuole di Carditello
Caserta. Parte alla Reggia borbonica di Carditello, ubicata a San Tammaro, il progetto Ecopascolo, una nuova modalità, molto ecologica, di cura delle aree verdi che sarà realizzato dall’azienda agricola di Pina Cestrone, vedova di Tommaso, l’Angelo di Carditello, il cui gregge contribuirà a mantenere il decoro delle aree verdi. Il progetto è stato predisposto dalla Fondazione Real Sito di Carditello, presieduta da Luigi Nicolais, e dalla Coldiretti Caserta guidata dal neo-presidente Manuel Lombardi, nell’ambito del protocollo di intesa firmato il 10 dicembre 2016. La sperimentazione partirà da questa settimana. L’ecopascolo è una metodologia virtuosa, rispettosa dell’ambiente e della biodiversità del territoriale, in sintonia con i ritmi della natura. Questo tipo di intervento è già sperimentato in altri contesti, dalle città fortemente urbanizzate come Roma, per la quale Coldiretti Lazio ha firmato un protocollo di intesa con il Comune, a contesti rurali nei quali il passaggio dei capi di bestiame definisce con regolarità la conformazione del paesaggio.