AGGUATO DI CAMORRA. Ferdinando ucciso da un’auto in corsa. Il 30enne era vicino ai Pagliuca

AGGUATO DI CAMORRA. Ferdinando ucciso da un’auto in corsa. Il 30enne era vicino ai Pagliuca


MONDRAGONE (red.cro.) – Le piazze della droga quasi sicuramente al centro dell’omicidio di ieri a Mondragone, al rione San Nicola. Ferdinando Longobardi con precedenti per droga (pena espiata) è stato ucciso con cinque colpi di pistola sul petto e all’addome. Il suo assassino lo conosceva bene, fino a tal punto da farlo cadere in un tranello: lo ha citofonato a casa e lo ha fatto scendere. Ferdinando, infatti, è sceso in pantofole: non sapeva che ad aspettarlo c’erano i suoi sicari. Lo conosceva bene chi lo ha ammazzato.

Il 30enne non ha avuto scampo, nonostante – ritrovato con un coltello tra le mani – ha fatto di tutto per difendersi. Nipote di Francesco Taglialatela, fedelissimo del boss Augusto La Torre, secondo gli inquirenti è stato ucciso dalla camorra.

Secondo gli inquirenti la vittima sarebbe stato vicino al gruppo dei Pagliuca ed ucciso dagli avversari senza pietà da un’auto in corsa che lo ha persino inseguito per diverse centinaia di metri e in un orario dove la città litoranea è ancora viva. Il tutto dopo che era stato fatto scendere di casa quasi come un tranello. Il corpo di Ferdinando è stato sequestrato su disposizione del magistrato di turno e si trova, ora, presso il reparto di Medicina Legale dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta.

Era stato scarcerato da poco, dopo 12 anni di galera.

PRIMO LANCIO: Si è trattato di un omicidio simile a quelli di camorra: come quelli che avvenivano tra gli anni Ottanta e Novanta. Non é chiaro cosa sia davvero accaduto. Ma un 30enne, Ferdinando Longobardi é stato sparato circa un’ora fa. Il giovane é stato raggiunto da due proiettili al petto e all’addome. Lui pare sia stato trovato con un coltello tra le mani. Lo zio di Ferdinando era considerato vicino al clan di Augusto La Torre. Gli inquirenti pensano che si tratti di un omicidio di camorra, vista la dinamica.

Indagano i carabinieri di Mondragone. La zona (almeno fino a quest’ora) é off limits. Il tutto é accaduto nel popoloso quartiere di rione San Nicola, a circa duecento metri dalla chiesa.

Il 30enne ha precedenti per droga ed era uscito da poco dal carcere. Caos a Mondragone per la notizia. Un omicidio in pieno centro.


Related posts