SAN FELICE A CANCELLO – Si terranno stamattina in forma privata e con la semplice benedizione i funerali di Alberto Pisano, di Cancello Scalo. La salma giungerà stamattina alla ore 10,30 nel cimitero di San Felice a Cancello per la Santa benedizione come previsto dal decreto anticovid e successivamente sarà cremata in località Domicella (provincia di Avellino). La morte del 43enne Alberto Pisano, ha lasciato senza parole e nello sconforto parenti ed amici, che non sono ancora rassegnati per la sua improvvisa scomparsa.

IL PRIMO LANCIO
SAN FELICE A CANCELLO – Tragedia nella Valle, ieri sera tardi è deceduto un 43enne della frazione di Cancello Scalo. Si tratta di Alberto Pisano, trovato cadavere all’interno di una fabbrica situata nella zona industriale di Polvica – lato Nola, mentre stava facendo un turno di lavoro e si trovava da solo.

Probabilmente, l’uomo è stato stroncato da un improvviso malore, che non gli ha dato nemmeno il tempo e la possibilità di allertare amici e parenti per chiedere quell’aiuto provvidenziale che gli avrebbe forse salvato la vita.

Il corpo senza vita di Alberto Pisano, è stato ritrovato nella fabbrica dagli stessi proprietari e dai carabinieri intervenuti prontamente, dopo che la sorella aveva lanciato l’allarme, in quanto il fratello non aveva mai risposto alle sue continue telefonate. Ma, purtroppo per Alberto non c’è stato nulla da fare che era già deceduto.

Alberto, che lavorava come guardiano nella fabbrica gestita dai fratelli De Lucia a Polvica, viveva con la sorella ed il cognato nell’abitazione di via XXI Giugno a Cancello Scalo. La notizia della morte del 43enne, si è subito diffusa a Cancello Scalo e San Felice a Cancello, tra l’incredulità ed il dolore di amici e conoscenti che apprezzavano e stimavano Alberto, un gran lavoratore ed un uomo perbene.

Subito sono scattati i primi rilievi dei carabinieri all’interno della fabbrica a Polvica e, quasi sicuramente la salma sarà inviata alla Medicina Legale per l’eventuale autopsia e scoprire le cause del decesso.