Il Comune concede il permesso a costruire in via Tanucci richiesto dal parente di Antonio Bardellino finito in carcere nell’operazione ‘La Regina’

Caserta. La questione, stando a quanto messo nero su bianco dal comune di Caserta, è messa così: Antonio Bretto di Casal di Principe aveva presentato un permesso a costruire nel cuore di Caserta, in via Tanucci. Il progetto prevede l’abbattimento e la ricostruzione di uno dei tanti edifici diroccati della strada.

Tutto sarebbe normale se Bretto non fosse Bretto, parente del boss Antonio Bardellino, arrestato recentemente nell’ambito dell’operazione della Dda di Napoli ‘La Regina’ che ha visto il coinvoltimento di numerosi amministratori e imprenditori legati alla criminalità organizzata.

Vista la condizione ‘svantaggiata’ di Bretto (che dovrebbe essere stato rinviato a giudizio insieme ad altre 64 persone), il comune di Caserta, nella persona del dirigente Giovanni Natale ha rilasciato il permesso a costruire ad un altra società. Non più la Soc. b.s. immobiliare di Bretto (richiesta avanzata il 14 settembre 2016) ma la società Frama House Immobiliare di cui è amministratore Francesco Celiento.

Il comune, ovviamente, non si pone domande e non elabora pensieri che non vadano oltre l’incasso degli oneri di urbanizzazione. Noi le domande ci siamo stancati di farcele, beccatevi quello che il convento passa.

PERMESSO A COSTRUIRE (clicca per leggere)

Condividi Post
Nessun commento

Lascia un commento