Accountability: la sfida di opencoesione tra servizi all’infanzia e all’ambiente

L’ISISS “G.B. Novelli” di Marcianise quest’anno, attraverso le due classi selezionate dal bando “A scuola di open coesione” a.s. 2017-18, sta monitorando due progetti finanziati dalle politiche di coesione europea. La classe 4°Aes del Liceo economico sociale già partecipante ad ASOC1617, ha creato un team di lavoro dal nomen “Mai dire Euxit”, mediante il quale sta effettuando la propria ricerca nell’ambito dell’ infanzia e degli anziani per il finanziamento dell’ “Asilo nido comunale di Marcianise”;
invece la classe 4°Au del Liceo delle Scienze Umane con il team: “Off the flames” sta effettuando la ricerca sull’“Attività di controllo e tutela ambientale atta a contrastare il fenomeno dei roghi”.

Uno degli aspetti portanti di tale progetto riguarda gli open data, gli studenti devono mobilitare persone, organizzazioni e istituzioni per mostrare i vantaggi degli Open Data e incoraggiarne l’utilizzo nelle istituzioni, nel mondo delle imprese e delle aziende e nella società civile. Gli studenti hanno organizzato un evento durante la Settimana dell’amministrazione Aperta (#SAA2018) che va dal 5 all’11 febbraio nello specifico martedì 6 febbraio 2018. I lavori sono stati introdotti dal prof. Domenico Rosato presidente della Proloco di Marcianise che ha posto l’accento su alcune parole chiave: partecipazione, collaborazione e trasparenza alla base delle amministrazioni aperte fondamento di ogni sistema democratico. Il saluto del Dirigente Scolastico prof.ssa Emma Marchitto dell’ISISS “GB Novelli” di Marcianise, entusiasta del progetto, a tutti i partecipanti e soprattutto agli studenti che attraverso queste attività diventeranno cittadini sempre più attivi, partecipi e impegnati nei contesti sociali con i quali dovranno relazionarsi. Il dott. Pasquale Cimmino dell’ufficio territoriale Istat Campania ha presentato i vari formati degli open data classificati dai semplici pdf o immagini a dati strutturati in fogli elettronici fino ad arrivare ai formati data base. A seguire i saluti del Sindaco portati da di Angela Letizia, vice sindaco di Marcianise, che ha manifestato la propria attenzione a quanto stanno realizzando gli studenti dell’ISISS “G.B. Novelli”: “è molto importante che i giovani trovino risposta alle loro esigenze, e che ci sia sempre una collaborazione attenta tra l’amministrazione e i cittadini”.
A questo punto è toccato ai veri protagonisti ossia gli studenti hanno presentato le ricerche dei progetti che stanno monitorando sul portale opencoesione.gov.it

Il progetto della classe IV Aes relativo all’asilo nido comunale di Marcianise ha come soggetto programmatore il Ministero dell’Interno, l’altro progetto della classe IVAu relativo alla tutela ambientale è programmato dalla Regione Campania entrambi hanno come soggetto attuatore il Comune di Marcianise. Finita questa fase si è ritornati agli interventi “esterni” con l’assessore alle politiche sociali e all’ambiente avv. Cinzia Laurenza direttamente interessata ad entrambi i progetti che posto l’accento su alcuni aspetti riguardanti da un lato la gestione e l’ organizzazione dell’asilo nido comunale e dall’altro la nota questione della Terra dei fuochi richiedendo in particolare l’intervento del luogotenente Sinibaldo Fabozzi della Polizia Municipale di Marcianise al fine di mostrare come l’attività di controllo sia stata intensificata mediante l’istallazione di apposite telecamere e l’utilizzo di risorse umane con funzioni di “ronde”. Sul punto è intervenuto anche l’assessore al bilancio, alla sicurezza e protezione civile dott. Nicola Salzillo che ha testimoniato il grande impegno della polizia municipale per il contrasto al fenomeno dei roghi. Per quanto concerne l’importanza della trasparenza l’ avv. Raffaele Iorio (responsabile dell’ufficio staff del sindaco di Marcianise) ha ribadito l’importanza di promuovere la cultura e la pratica della trasparenza, della partecipazione e della accountability nelle amministrazioni pubbliche e nella società e la fiducia dei cittadini nelle istituzioni.

Del resto i contenuti informativi e i dati in possesso delle amministrazioni pubbliche, rappresentano una straordinaria occasione per rendere più trasparenti le azioni delle amministrazioni, per erogare servizi più efficienti. I cittadini devono sapere come richiedere i documenti amministrativi. Questo aspetto è stato evidentemente colto dagli studenti che sono intervenuti con domande in uno scambio interattivo di interesse e partecipazione. Le conclusioni, invece, sono state affidate al presidente del consiglio comunale avv. Antimo Rondello, il quale ha riservato parole positive per l’attività svolta dagli studenti ribadendo che i dati pubblici, che nel passato erano destinati a rimanere relegati nell’ambito dei procedimenti di governo per i quali erano stati formati, oggi sono risorse sempre più accessibili, aperte e quindi conoscibili e fruibili da tutti. Gli studenti hanno ringraziato per la fattiva collaborazione l’amministrazione comunale di Marcianise che nei vari incontri precedenti l’evento hanno dimostrato sempre grande disponibilità e hanno spiegato che la scelta della giornata del 6 febbraio 2018 non è stata casuale infatti in questa peculiare data si celebra la giornata mondiale della sicurezza su internet dedicata proprio al ruolo che l’etere svolge nella vita, soprattutto dei più giovani. Ogni anno Safer Internet Day ha lo scopo di aumentare la consapevolezza dei problemi emergenti on line , per un uso sicuro e responsabile dei nuovi media da parte dei giovani. Attraverso il progetto “A Scuola di open coesione” [ASOC] che promuove principi di cittadinanza consapevole, sviluppando attività di monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici attraverso l’impiego di tecnologie di informazione mediante l’uso dei dati in formato aperto (open data), i ragazzi producono contenuti multimediali, pubblicano sui social le loro ricerche e i loro risultati, utilizzano in modo sicuro, responsabile ed intelligente le opportunità offerte dalla rete internet, in questo modo si abituano ad un comportamento corretto e produttivo delle nuove tecnologie.

In conclusione possiamo senza ombra di dubbio affermare che tali tipi di attività che esulano dalla classica didattica assumono un ruolo importante sia per la formazione dello studente, che può inserire nel proprio bagaglio esperenziale una prima forma di attività lavorativa con tanto di gestione d’equipé, e sia per la cittadinanza che vede aperti nuovi momenti di dibattito funzionali alla riscoperta di tematiche vive e centrali della vita associativa, a cui l’essere umano, in quanto tale, è destinato.

Condividi Post
Nessun commento

Lascia un commento